Webinar “Affrontiamo il Covid e prepariamoci all’imminente natale”.

Vi aspetto giovedì 10 Dicembre alle ore 19.00 sulla piattaforma ZOOM, in compagnia della dottoressa Linda Caroli, e della bravissima giornalista Sky Barbara Castellani.Parleremo di come affrontare al meglio lo stress da covid19 in un periodo dell’anno davvero molto emozionante per ognuno di noi.Non mancate!Per accedere seguite le istruzioni:

Save the Date 10/12/2020 ore 19.00.Entra nella riunione in Zoomhttps://us04web.zoom.us/j/2150427519…ID riunione: 215 042 7519Passcode: 7quvqn

Cybershaming

http://www.ilpaesenuovo.it

Cybershaming: che cos’è e come tutelarsi https://www.ilpaesenuovo.it/2020/10/02/cybershaming-che-cose-e-come-tutelarsi/

LECCE – “Viviamo in una era sempre più digitale e social ed i primi ad essere affascinati da queste nuove tendenze sono ragazzi ed adolescenti, i quali molte volte possono cadere in trappole costruite ad arte per  attirare i più fragili e renderli Vittime”. Lo dichiarano in una nota congiunta Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale del Dipartimento tutela vittime di Fratelli d’Italia, e Andrea Gaetani, Presidente di Azione Studentesca Lecce.

“Una di queste è il cybershaming, – aggiungo – fenomeno molto diffuso e poco conosciuto specialmente tra i minorenni, che espone foto di ragazze senza il loro consenso su gruppi whatsapp e canali telegram, con il fine di denigrarle, insultarle, deriderle, commentare con frasi squallide e minacciose ed invitare gli appartenenti del gruppo alla violenza, allo stupro ed all’omicidio”.

“Anche il Salento – continuano – ha avuto purtroppo le sue vittime ed Azione Studentesca è stata la prima ad occuparsene ad aprile, quando in pieno lockdown, ha raccolto le testimonianze e le paure di alcune ragazze cadute nella rete di queste menti perverse. Al fine di prevenire queste situazioni, che segnano per sempre la vita di un’adolescente e che molte volte sono taciute per vergogna e perché non si conoscono bene gli strumenti di tutela, abbiamo organizzato una conferenza online, che sarà trasmessa sulla pagina https://www.facebook.com/FratelidItaliaDipartimentoVittime
e che analizzerà il fenomeno in tutte le sue sfaccettature”.

“Interverranno, infatti, – concludono – l’avv. Caterina Biafora (penalista, esperta di Cybershaming e da sempre attiva nella difesa di Vittime di violenza), la psicologa Maria Pina Pesce (traumatologa ed esperta in temi di abuso) e Agnese Ricercato, che racconterà il suo percorso di ragazza che ha avuto il coraggio di denunciare. Essere consapevoli di quello che può accadere e di come si può affrontare la situazione è la prima arma per difendersi.”

Comunicato Stampa Cybershaming

http://www.pugliain.net

Cybershaming, cos’è e come difendersi, se ne parla domani in diretta su Facebook https://www.pugliain.net/116969-2-comunicato-cybershaming-evento-2-ottobre/ via @puglia_in

Se ne parla sempre più spesso, per fortuna, ma ancora troppo poco. il cybershaming è un fenomeno contemporaneo pericoloso: diffondere foto di ragazze, senza consenso, tra i social con l’obbiettivo di insultarle, deriderle, minacciarle. Una nuova tendenza fra i giovani a cui occorre mettere freno. Già lo scorso aprile raccontammo la storia di una ragazza vittima di cybershaming a Lecce. Il caso in questione aiutò ad aprire un dibattito parlamentare grazie a due interrogazioni nei Parlamenti europeo e italiano.

Oggi è ancora tempo di informare adolescenti e famiglie dei rischi concreti, come questo, a cui portano i social. Su che cos’è e su come tutelarsi dal cybershaming se ne parlerà domani, sabato 3 ottobre, in un dibattito organizzato dal dipartimento nazionale “Tutela Vittime” di Fratelli d’Italia, su diretta Facebook in cui discuteranno Cinzia Pellegrino, coordinatrice dle dipartimento, Caterina Biafora, avvocato penalista ed esperta in cyberbullismo, Maria Pina Pesce, psicoterapeuta esperta in temi di violenza, Andrea Gaetani presidente di Azione studentesca Lecce e Agnese Ricercato, che racconterà il suo percorso di ragazza che ha avuto il coraggio di denunciare.
“Viviamo in una era sempre più digitale e social – scrive in una nota stampa Cinzia Pellegrino, coordinatore nazionale del Dipartimento tutela vittime di Fratelli d’Italia – ed i primi ad essere affascinati da queste nuove tendenze sono ragazzi ed adolescenti, i quali molte volte possono cadere in trappole costruite ad arte per  attirare i più fragili e renderli Vittime.
Una di queste è il cybershaming, fenomeno molto diffuso e poco conosciuto specialmente tra i minorenni, che espone foto di ragazze senza il loro consenso su gruppi whatsapp e canali telegram, con il fine di denigrarle, insultarle, deriderle, commentare con frasi squallide e minacciose ed invitare gli appartenenti del gruppo alla violenza, allo stupro ed all’omicidio”.
“Anche il Salento – afferma Andrea Gaetani, Presidente di Azione Studentesca Lecce –  ha avuto purtroppo le sue vittime ed Azione Studentesca è stata la prima ad occuparsene ad aprile, quando in pieno lockdown, ha raccolto le testimonianze e le paure di alcune ragazze cadute nelle rete di queste menti perverse.
Al fine di prevenire queste situazioni, che segnano per sempre la vita di un’adolescente e che molte volte sono taciute per vergogna e perché non si conoscono bene gli strumenti di tutela, abbiamo organizzato una conferenza online, che sarà trasmessa sulla pagina
e che analizzerà il fenomeno in tutte le sue sfaccettature.
Essere consapevoli di quello che può accadere e di come si può affrontare la situazione è la prima arma per difendersi.”

Iniziativa contro cybershaming

Domani l’iniziativa contro la violenza in rete di Dipartimento tutela vittime Fdi e Azione Studentesca – https://go.shr.lc/34qo0nj

“Viviamo in una era sempre più digitale e social ed i primi ad essere affascinati da queste nuove tendenze sono ragazzi ed adolescenti, i quali molte volte possono cadere in trappole costruite ad arte per  attirare i più fragili e renderli Vittime. Una di queste è il cybershaming, fenomeno molto diffuso e poco conosciuto specialmente tra i minorenni, che espone foto di ragazze senza il loro consenso su gruppi whatsapp e canali telegram, con il fine di denigrarle, insultarle, deriderle, commentare con frasi squallide e minacciose ed invitare gli appartenenti del gruppo alla violenza, allo stupro ed all’omicidio”.Lo hanno affermato in una nota congiunta Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale del Dipartimento tutela vittime di Fratelli d’Italia, e Andrea Gaetani, Presidente di Azione Studentesca Lecce annunciando, per domani, un’iniziativa di denuncia sul fenomeno.“Anche il Salento ha avuto purtroppo le sue vittime ed Azione Studentesca è stata la prima ad occuparsene ad aprile, quando in pieno lockdown, ha raccolto le testimonianze e le paure di alcune ragazze cadute nelle rete di queste menti perverse”.E ancora: “Al fine di prevenire queste situazioni, che segnano per sempre la vita di un’adolescente e che molte volte sono taciute per vergogna e perché non si conoscono bene gli strumenti di tutela, abbiamo organizzato una conferenza online, che sarà trasmessa sulla pagina Fb e che analizzerà il fenomeno in tutte le sue sfaccettature. Essere consapevoli di quello che può accadere e di come si può affrontare la situazione è la prima arma per difendersi”.All’incontro, in programma domani alle 10.30, interverranno, l’avvocato Caterina Biafora (penalista, esperta di Cybershaming e da sempre attiva nella difesa di Vittime di violenza), la psicologa Maria Pina Pesce (traumatologa ed esperta in temi di abuso) e Agnese Ricercato, che “racconterà il suo percorso di ragazza che ha avuto il coraggio di denunciare”.

Alexi Lalas

Alexi Lalas

Alexi Lalas su Barbadillo.it

Cybershaming

Diretta Facebook

Buongiorno ♦️
Il coraggio di essere se stessi, semplicemente normali.
Oggi dare del “normale” a qualcuno è quasi un offesa, totalmente immersi nel mostrare di noi sempre la parte più accattivante e che attira più like possibili.

L’altro ieri in una diretta Facebook abbiamo parlato di un tema che fa discutere. Il cybershaming, nuova declinazione del cyber-bullismo. 
Moltissimi i ragazzi che vengono derubati di foto personali prelevate direttamente dai loro profili social, foto subito postate su chat tipo Telegram dove vengono usate come armi di ricatto con offese generalmente sul proprio aspetto fisico, ingiuriate, minacciate di stupro o addirittura minacciate di morte. 
Minorenni anche di 12/13 anni sono prese di mira con il reale rischio di vedere il proprio aguzzìno virtuale a pochi passi da se stessi.
È un fenomeno poco conosciuto del quale si sottostima la portata psicologica sulla psiche di chi ne è vittima.
♦️
Perché abbiamo così tanto bisogno di sembrare speciali, forti, vincenti, apparentemente sicuri tanto da annientare l’altro vissuto come “diverso”?
A mio avviso il diverso ci mette di fronte alla nostra normalità e fragilità. È lo specchio che ci rimanda l’immagine vera di noi stessi, ovvero di persone normali; non siamo speciali, o supereroi ma siamo esseri umani con delle fragilità e questo non è accettabile in una società improntata sulla perfezione, competizione e sopraffazione dell’altro.
Essere normali, o addirittura ordinari, è davvero così devastante? Oggi sembra di sì. Sei preso di mira. Un po’ come anticamente chi non si conformava veniva esiliato dalla città, oggi lo “esiliamo” attraverso queste azioni.
Essere “diversi” significa offrire un punto di vista nuovo, una torcia nell’oscurità della omologazione che ci vuole tutti uguali, una marcia in più che ci rende speciale, non inferiori.
Senza il “diverso” non c’è crescita, non c’è evoluzione.
Tu cosa ne pensi? 


@psicologa.mariapinapesce
♦️

Ne parliamo in diretta Facebook

Cybershaming, Pellegrino: Che cos’è e come tutelarsi https://www.fratelli-italia.it/2020/10/02/cybershaming-pellegrino-che-cose-e-come-tutelarsi/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: